Post Image

Club to Club 2015 – Quel posto dove c’è tutto il mondo ed i video si vedono dal soffitto

Posted By Fabio Persico / 11 novembre 2015 / 0 Comments

     

    Torino ha qualcosa di malinconico. Lo so che iniziare così un articolo che parlerà forse di musica elettronica, arte contemporanea e cose fighe, non è il massimo, ma è così. Torino è malinconica e molto affascinante. La Torino di Lombroso è affascinante. Uno che per tutta la vita si è fatto delle pippe assurde sul genio e la follia, che forse beveva molto poco ma compensava con il “fumo da bagno”, cioè quello di nascosto da tutti.

    Cesarino ha studiato i folli, diceva: «…il criminale è un essere atavistico che riproduce sulla propria persona i feroci istinti dell’umanità primitiva e degli animali inferiori». Che roba! Pensate che fu uno dei maggiori esponenti del Positivismo. Lo so, non sembrerebbe ma è così. In pratica il termine Positivismo deriva etimologicamente dal latino positum, ovvero ciò che è posto, fondato, che ha le sue basi nella realtà dei fatti concreti, o meglio ciò che è reale, sperimentale.

    A me ‘sta cosa piace e anche parecchio. Torino è malinconica, affascinante, folle e creativa. Nella follia, c’è una base fondata.

    Sono appena stato ad uno dei festival italiani di arti elettroniche più interessanti nel panorama internazionale, il Club to Club. Una sorta di mischione tra 8 e mezzo di Fellini, un qualsiasi programma di Arbore e suoni nuovi che negli anni settanta uscivano da una camera di un albergo inglese, in cui Giorgio Moroder e Brian Eno si divertivano a bere cedrata corretta. Qui il genio e la follia si mixano in qualcosa che non so se si può spiegare facilmente. Nomi sparsi accostati a dei colori, perché i folli, il mondo, lo vedono a colori: Apparat = Rosso Vulcano, Bienoise = Magenta pieno, Jamie XX= Verde Acido, Thom Yorke= Il Bianco, e tanti, troppi altri che a cercare i colori in natura, manco si trovano.

    Insomma, sarà che lo sponsor era Absolut e da quando sono arrivato mi hanno fatto ingurgitare cocktails di ogni genere, ma è stato una gran figata; a colazione un moscow mule con fette biscottate e marmellata di gin, a pranzo che non te le fai le pennette alla vodka, merendina con Frizzy Pazzy alcoliche (non lo so, ce l’hanno solo loro) e a cena non ho mai mangiato, solo liquidi che mi hanno fatto girare la testa. Ogni sera, nella stanza 119, AC Hotel****, base centrale dell’Absolut Symposium, cioè un posto in cui si alternavano conferenze sull’innovazione tecnologica nella musica e performance lisergiche, ho chiuso le giornate sdraiandomi sul letto e pensando a tutte le cose che non ho mai fatto nella vita e a quante ne vorrei fare. Ho pensato anche alla bella musica che ho ascoltato all’interno di un conservatorio quasi addormentandomi, bello eh, ma addormentandomi, al tassista che mi ha scarrozzato per tre giorni dicendomi che oggi, a Torino, c’è tutto il mondo non solo i torinesi, ed ai bellissimi video proiettati sul soffitto. Ehm sì, i video nei quali c’era mia madre che mi chiedeva: “come stai? L’hai portata la sciarpa, a Torino fa freddo”, mio padre che correva nudo in un prato, la mia ragazza che incazzata urlava: “lo so che mi tradisci a questi eventi, lo so sai, non ci credo che a quest’ora sei già al letto”, e io, cioè proprio io specchiato che mi dicevo da solo “eheheheheh, che figata assurda”. Poi ho chiuso gli occhi e mi sono addormentato.

    Buonanotte Lombroso, buonanotte Torino, buongiorno #‎C2C15.

    Buongiorno cerchio alla testa.

     

    club-to-club-festival-2015-c2c15 club-to-club-festival-2015-c2c15-02 club-to-club-festival-2015-c2c15-03 club-to-club-festival-2015-c2c15-04 club-to-club-festival-2015-c2c15-05 club-to-club-festival-2015-c2c15-06 club-to-club-festival-2015-c2c15-07 club-to-club-festival-2015-c2c15-08 club-to-club-festival-2015-c2c15-09 club-to-club-festival-2015-c2c15-10 club-to-club-festival-2015-c2c15-11 club-to-club-festival-2015-c2c15-12 club-to-club-festival-2015-c2c15-13 club-to-club-festival-2015-c2c15-14 club-to-club-festival-2015-c2c15-15 club-to-club-festival-2015-c2c15-16 club-to-club-festival-2015-c2c15-17 club-to-club-festival-2015-c2c15-18 club-to-club-festival-2015-c2c15-19 club-to-club-festival-2015-c2c15-20 club-to-club-festival-2015-c2c15-21club-to-club-festival-2015-c2c15

    fabio-persico

    Raccontare storie in stile ​L​o-fi, sporche e schiette​,​ è il suo credo. Non ha una città di riferimento, ama l'odore della pizza appena fatta e della vernice sulle porte di legno piene di tarli, il sapone di Marsiglia, gli zuccherini di sua nonna, i televisori Telefunken del '73, La Gazzetta dello Sport, il sale marino, le patatine fritte d​ella mamma, la gente​, le facce. Il movimento è sempre stato il suo un punto saldo. Ama il fascino della sfocatura, di ciò che è passato ed ha lasciato ​il segno. Ha due mani e non è ancora morto.​

    Related Posts

    No comments

    No comments

    Leave a reply

    Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

    css.php

    Like us!